Campobasso. Castello Monforte Veduta del Matese da Roccamandolfi Capracotta. Sentiero verso Prato Gentile Termoli Campitello
Campobasso. Castello Monforte Veduta del Matese da Roccamandolfi Capracotta. Sentiero verso Prato Gentile Termoli. Campitello.

Le montagne del Molise

Le montagne del Molise sono delle stupende terrazze panoramiche con "vista mare", e non è soltanto un modo di dire: dalle vette del Monte Miletto (2.050 m), della Gallinola (1.923 m) e del Monte Mutria (1.823 m), le tre cime più alte del Matese, nelle giornate più limpide basta volgere lo sguardo da destra a sinistra per poter ammirare contemporaneamente il blu del Mar Adriatico e del Mar Tirreno che si fondono con l'azzurro del cielo.

In un ottica a 360°, il panorama che si presenta è di quelli da mozzare il fiato, come fossimo in un quadro dipinto con mille sfumature di colore; il mare che fa da cornice all'orizzonte, ed in mezzo le cime della Majella, il cono del Vesuvio, i monti dell'Irpinia ed il promontorio del Gargano.

Nel Molise è la natura che viene incontro all'uomo, e non viceversa; non è difficile, infatti, imbattersi in cervi, caprioli, aquile, falchi pellegrini, gatti selvatici e perfino lupi ed orsi; l'Oasi WWF di Guardiaregia testimonia la ricchezza della fauna selvatica, ancora incontaminata.

Ma le montagne molisane non offrono soltanto straordinarie bellezze naturali: Campitello Matese e Capracotta, con le loro bellissime piste di sci, soprattutto di fondo, sono tra le stazioni sciistiche più importanti del centro-sud, meta ogni anno di migliaia di visitatori ed appassionati di sci. Su queste montagne è anche possibile trovare percorsi da praticare con le racchette da neve, in motoslitta, oppure, in primavera ed autunno, anche in mountain bike ed a cavallo.

La montagna molisana offre strutture turistiche di livello, tra le quali segnaliamo sicuramente l'Hotel Miletto e l'Hotel Lo Sciatore, a Campitello Matese, ristoro ideale per gli sportivi, oppure l'Ostello Montagna Amica di Pescopennataro, dove l'ambiente caldo e familiare, unito con una cucina tipica, non mancherà di soddisfare anche l'ospite più esigente.

I tratturi molisani

La Regione dei Tratturi abbracciava i territori delle cinque attuali regioni italiane Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata e Campania estendendosi, nel periodo di massima espansione, dall' Abruzzo settentrionale all' entroterra di Taranto e della Murgia barese, fino a toccare la provincia di Brindisi. 14 tratturi principali, 70 tratturelli, 14 bracci e 9 riposi si evincono ancora da una carta edita nel 1959. Tra essi i tratturi appenninici più utilizzati e noti: L' Aquila - Foggia detto "Tratturo Magno" o "del Re" di 243,5 chilometri di lunghezza. Celano-Foggia di 207 chilometri. Castel di Sangro-Lucera di 127 chilometri. Pescasseroli-Candela di 211 chilometri. Ciò che rimane di queste autostrade verdi del passato, vere e proprie arterie di civiltà, è in massima parte nel Molise. (vedi cartina in alto)

La costa molisana

Interamente interessata dalla costruzione di manufatti per la balneazione, la costa molisana presenta uno sviluppo pari a 38 km, dalla foce del Trigno a quella del Saccione. L'aspetto originario si può ritrovare nella residua striscia tra la foce del Biferno e quella Saccione. Le acque per la balneazione comunque sono ottimali e annualmente sia la spiaggia di Termoli sia quella di Campomarino possono vantare la Bandiera blu d' Europa per la loro limpidezza e purezza.

Social

Diventa nostro amico su e su per rimanere sempre aggiornato sugli eventi!

Itinerari del Molise
Itinerari
Artigianato molisano
compralo su Ebay

Bellissimo piatto in ceramica dipinta a mano raffigurante la chiesa SS. Maria del Monte di Campobasso compralo ora

Monumenti
Il Castello Monforte

Il simbolo della città di Campobasso leggi di piu'

Libri sul Molise
Molise in viaggio

Le guide di Altri Itinerari
Volturnia Edizioni visita il sito

Tradizioni
La 'Ndocciata di Agnone

Una tradizione di epoca romana.
leggi di piu'