Campobasso. Castello Monforte Veduta del Matese da Roccamandolfi Capracotta. Sentiero verso Prato Gentile Termoli Campitello
Campobasso. Castello Monforte Veduta del Matese da Roccamandolfi Capracotta. Sentiero verso Prato Gentile Termoli. Campitello.

Ferrazzano Bandiera Arancione

Ferrazzano Bandiera Arancione



Su di un alto colle, in posizione dominante, si eleva ben in vista Ferrazzano, chiamato un tempo Ferentino, località dal perimetro esterno interamente chiuso da case che si mostrano alla valle con la loro cortina continua. Vedetta naturale di uno dei punti cardine sulle antiche vie di comunicazione, la cittadina fu fortificata dai sanniti con una poderosa muraglia ancora visibile a tratti. Dell’epoca medievale il borgo conserva il castello fatto costruire su strutture più antiche, verso la fine del XV secolo dalla famiglia Carafa. Esso è l’espressione tipica della conversione di un austero e rude fortino medioevale in un confortevole palazzo signorile, ancor’oggi abitato. Percorrendo le stradine del centro storico, che seguono un andamento circolare su cui si innestano i tratti radiali, si nota l’amorevole recupero dei piani in selciato e delle mura antiche. La chiesa dell’Assunta, con il suo portale di impronta romanica, si offre alla vista quasi improvvisamente, in uno degli innumerevoli e minuti slarghi che si aprono tra le case: all’interno è possibile ammirare un prezioso pulpito poggiante su quattro colonne e una fonte battesimale.

Da segnalare, anche l’interessante realtà del TFS LOTO (Tribeca Ferentinum Studio - Libero Opificio Teatrale Occidentale), anche detto Teatro del LOTO: un piccolo gioiello scenico, considerato da tanti fra artisti, operatori e pubblico “Il più bel piccolo teatro d’Italia”. Nato dalla volontà di recupero e dalla trasformazione architettonica di una vecchia sala parrocchiale della fine degli anni ’50, il Teatro del Loto è stato ristrutturato secondo i principi di ergonomia e suggestioni del Feng Shui, con l’intento di riunire concetti architettonici occidentali ed orientali, che sappiano essere eccellenti testimoni della migliore tradizione scenica ma, al contempo, proiettati a valorizzarla nell'innovazione.

Perché Bandiera arancione

La località, si distingue per la tipicità e omogeneità del centro storico e per l’apprezzabile cura e manutenzione dell'arredo urbano: ideale da percorrere a piedi, il piccolo Comune molisano offre al turista curioso, la possibilità di scoprire gli importanti attrattori storico-culturali custoditi tra le strette vie dell’abitato.

Fonte http://www.bandierearancioni.it

Social

Diventa nostro amico su e su per rimanere sempre aggiornato sugli eventi!

Itinerari del Molise
Itinerari
Artigianato molisano
compralo su Ebay

Bellissimo piatto in ceramica dipinta a mano raffigurante la chiesa SS. Maria del Monte di Campobasso compralo ora

Monumenti
Il Castello Monforte

Il simbolo della città di Campobasso leggi di piu'

Libri sul Molise
Molise in viaggio

Le guide di Altri Itinerari
Volturnia Edizioni visita il sito

Tradizioni
La 'Ndocciata di Agnone

Una tradizione di epoca romana.
leggi di piu'